venerdì 24 febbraio 2012

Speciale: RECENSIONE ANIME: Baka To Test To Shokanjuu e Baka To Test To Shokanjuu Ni!




Baka To Test To Shokanjuu è un inusuale Anime nato nel 2010 che ha veramente stile da vendere, sotto tutti i punti di vista!

Trama
La Trama Sommariamente tratta di una scuola un po' strana: Dall'esame di ammissione, infatti, gli studenti saranno collocati all'interno delle classi "rankate" dalla lettera A alla F a seconda dei voti ricevuti. Conosceremo quindi, se così possiamo chiamarlo, il protagonista della storia, Yoshii Akihisa, che proprio all'inizio della storia soccorrerà la dolce Himeji dopo un suo malore durante il test di ammissione. In totale, l'anime sarà composto dalle varie tattiche di questa sgangherata banda che è la classe F e tentativi di attuarle usando vari stratagemmi per poter scambiare i privilegi scarni della loro aula con quelli, magari, di una classe migliore, come ad esempio la D. Tralasciando questo: la caratteristica più importante e più bella di tutto l'anime è la presenza delle "evocazioni" dei famigli, versioni Chibi dei protagonisti che avranno un valore di forza a seconda del voto ricevuto dal proprietario del famiglio stesso. Detto così può sembrare contorto, ma è veramente semplice, una volta che si è capito il meccanismo! Parlando ora della struttura della storia, un'altra cosa molto gradita è la presenza di gag su gag, dalla prima puntata, mai banali e sempre divertenti, nonostante alcune volte siano ripetitive. Lo scopo però è proprio questo: La ripetizione di queste gag comporta a una sorta di "tormentone" che ci porta a capire quando si ha una determinata scena invece che un'altra. I personaggi sono tutti carismatici e mai piatti, sono molto dettagliati in ogni punto di vista.

Lato Tecnico
Diciamo che dopo averlo rivisto poco tempo fa posso confermare senza ombra di dubbio che le immagini sono molto dettagliate e mai troppo banali. Parlando poi delle OST, nulla da dire, Opening ed Ending sono veramente orecchiabili e ben strutturate, e si conformano all'anime, dimostrando una stupidità di fondo nei testi, ma un sound veramente buono.

Commento Finale
Per farla breve, Baka To Test mi è piaciuto moltissimo, e lo consiglio a tutti quelli che amano il genere demenziale e un po' ecchi (ma non troppo).
Voto Finale: 7. Perchè 7? Perchè, dopo aver visto la seconda serie, ho dovuto tirare un po' la cinghia per una serie di sfortunati fattori. Nulla che vada a minare la visione dell'anime, per carità, ma piuttosto una... svolta.
Qualità Fansub: Media.

-------------------------------------------------------------------------------------


Baka To Test To Shokanjuu Ni è il diretto seguito della sua prima serie, molto simpatica e leggera da seguire.

Trama
Prepariamoci psicologicamente per una inversione di marcia: In questa seconda serie, infatti, si lasceranno i banchi di scuola per far proseguire la trama su varie scene stereotipate e originali al tempo stesso. Per farla breve, la serie si può dividere in due momenti: Il primo, in cui ci sono gite e viaggi vari, con queste scene stereotipate citate poc'anzi e portate alla noia (es. Corsa ai bagni, forse una delle scene meglio riuscite di tutta la serie) e il secondo, in cui si torna a scuola, ma non si respira la stessa aria della prima serie: Dopo le gite, infatti, assisteremo a vari filler che ci fanno approfondire il passato dei personaggi e i loro intrecci, in questo campo veramente ben riusciti. Un elemento nuovo di questa seconda serie sarà infatti il fattore amore, che darà una folata di aria ben diversa rispetto alla prima serie, e porterà un po' tutti i personaggi a vedersi sotto una luce diversa. Assisteremo a intrecci amorosi interessanti, e ci troveremo più di una volta indecisi per chi tifare e chi "odiare". Tutti i personaggi, stavolta, sono ancora più approfonditi, ma è un vero peccato che la sorella di Akihisa e quella di Hideyoshi siano apparse si e no 2 o 3 puntate e poi siano sparite nel nulla cosmico.

Lato Tecnico
Nonostante la somiglianza con la prima serie, lo stile è migliorato e l'animazione è un filino più fine: Niente da dire, come sempre, per le OST e le sigle, stavolta rese speculari: Se nella prima serie assistevamo ad una Ending con solo i ragazzi mostrati (tranne due episodi), in questa seconda assistiamo a una Ending con la maggioranza di ragazze. Questo, comunque, indica il cambiamento comportato dai triangoli amorosi citati poc'anzi.

Commento Finale
Come possiamo chiudere questa recensione, quindi? Dicendo che è una seconda serie un po' fuori dagli schemi rispetto alla prima, ma non per questo è peggiorata: i fan potranno storcere il naso riguardo questa involuzione,però nonostante gli stereotipi numerosi, la serie si rivela comunque originale. A buon rendere, quindi!
Voto Finale: 8
Qualità fansub: Media

lunedì 20 febbraio 2012

Alcune News da parte di Akki e... Nostalgia Canaglia!

Helloes Guys, Akki Here.
Ok, dopo questa mia presentazione à la inglese potrei anche ritirarmi xD No vabbè, bando alle ciance.
Salve a tutti ragazzi, Bentornati sul Blog di Akki!
Quest'oggi Volevo pubblicare un bollettino per farvi sapere come me la sto passando, cosa c'è di nuovo e perchè in ambito blog sono più lento di un bradipo a postare qualcosa che superi le 30 Righe.


Bene, è tempo di spiegare!
Alcuni tra i miei lettori più assidui avranno certamente notato che ho cambiato scuola a Novembre, ragion per cui il mio tempo libero è occupato sostanzialmente da giochi online e roba varia, mentre il restante è un inferno di studio. Naturalmente trovarsi due capitoli da portare per ogni materia non è una cosa molto simpatica, ed è per questo che serve il massimo dell'impegno per tornare di pari passo con gli altri.


Tralasciando questo, parliamo di Manga: Mar è arrivato al numero 14, il penultimo, e sono veramente contento di questo: Ho visto tutto l'anime, e ora leggere il manga mi sta trasmettendo la stessa emozione che ho provato quando l'ho visto la prima volta... Una lettura scorrevole e simpatica, disegni mai banali, insomma... Un capo manga!


E ora, per quanto riguarda gli anime... Sono contentissimo, veramente, del fatto che quest'anno possano trovar la parola fine due dei migliori anime che abbia mai visto: Shakugan No Shana (ormai all'episodio 19, Serie Final) e Zero No Tsukaima (serie F, dovrebbe avere 13 episodi ma non ne sono sicuro... A dire la verità l'idea di rivederlo mi stava frullando un po' nella testa, e nel cercare i download per degli amici ho trovato la quarta serie. Inutile dire che sono contentissimo.). 


Infine, parliamo di Giochi: BlazBlue, COD MW3, AC: BH e Halo 3 sono stati quasi buttati nel dimenticatoio, il ciò è un male: Vorrei recensirli al più presto....


A dirla tutta, molto presto arriverà la recensione di Ef - A Tale Of Memories: Quell'anime è rimasto in cantiere troppo tempo, e non mi faccio mica sconvolgere dalla mancanza di Megavideo e Megaupload! Troverò una soluzione per scaricarmi gli anime... JDownload, Fai in modo di essermi sempre fedele!

lunedì 6 febbraio 2012

Akki Games! Capitolo 8 - Amnesia: The Dark Descent

Salve a tutti, Lettori, e bentornati nella rubrica Akki Games!.
Oggi recensirò un gioco inusuale per i miei gusti, chiamato Amnesia: The Dark Descent.
Prima di iniziare con la recensione, vi farò una piccola introduzione di come sono entrato a conoscenza di questo gioco.


Molti di voi avranno già visto questa faccia: Il nome di questa persona è Pewdiepie, uno Youtuber nato veramente da poco, che quasi per gioco ha iniziato a giocare giochi Horror usando la webcam per riprendersi, e ironizzando sugli spaventi che riceve. Iniziò da Amnesia, ed è così che, grazie alla sua mania per i giochi Horror e in particolare per Amnesia, ho voluto compiere il passo più lungo della gamba, cioè, avvicinarmi a questo gioco forse unico nel suo genere.









Ciò che caratterizza però Amnesia è la sua struttura inusuale: Basandosi su un sistema di Luci mai visto prima d'ora, riesce a dare al videogiocatore un senso di inquietudine per tutto il gioco: Saremo, infatti, completamente immersi nel buio per la maggior parte del gioco, e dovremo evitare delle ombre che hanno l'intenzione di ostacolare il nostro cammino.

Trama
Ci svegliamo in una strana casa, soli, con nulla intorno e con dei petali di rosa affianco alla faccia. Siamo soli, non ricordiamo niente, facciamo fatica a camminare... Abbiamo come... Un'amnesia...? Ci chiamiamo Daniel, siamo degli apprendisti... ma di chi? E' così che inizierà la nostra avventura, alla scoperta dei tasselli che ci mancano, per poter capire perchè siamo lì e che cosa dobbiamo esattamente fare. Qui e lì troveremo tantissimi poscritti, ma saremo continuamente perseguitati da delle strane ombre, che vogliono farci del male. Dobbiamo scappare, nulla è sicuro qui.

Il lato ironico di Amnesia
Come abbiamo ben capito, siamo continuamente perseguitati, ed è questo il punto chiave del gioco: I luoghi sono enormi e noi siamo soli, e al minimo rumore ci prendiamo un mezzo infarto, per poi scoprire che, magari, quel rumore era solo un topo. Il che, naturalmente, ci causerà una risata abbastanza nervosa, perchè, nonostante ci troviamo in questo luogo così fragile, il più delle volte potremo restare tranquilli nei punti morti del gioco, che magari consistono nel completamento di un enigma, e che richiedono un minimo di ingegno per il completamento effettivo. Nonostante, quindi, ci sentiamo male nella maggior parte delle zone, ci troveremo in quadri che saranno completamente privi di spaventi, che vi saranno però inevitabilmente nel caso in cui la tensione sia ancora alta dopo essere scappati dalla stanza precedente, magari rincorsi da un Bro (o Grunt, come volete li chiamate). 

Lato Tecnico
Tecnicamente è un titolo molto ben strutturato: Tiene sulle spine, fa saltare sulla sedia in parecchi momenti, e sfrutta uno stile grafico, come già detto poc'anzi, veramente inusuale, che ci porta a interessarci parecchio di ogni minimo particolare delle stanze. Il sonoro, poi, accompagna splendidamente la grafica, con effetti rivoltanti in alcuni flashback, e molto realistici in altri.

Commento finale
Per farla breve: se vi piacciono gli horror in cui non dovete per forza sparare in testa a uno zombie per sentirvi fighi, Amnesia è il massimo consentito. Un survival Horror che può tenervi incollati per ore e ore, senza distogliervi dalla trama, e che vi farà saltare sulla sedia ben più di una volta. Preparate i pannolini, si gioca ad Amnesia.

Grafica: Beh, bellissima, veramente, in ogni particolare: Regge su quasi tutti i pc ed è molto fluida. 9
Sonoro: Non amo ripetermi, è semplicemente ottimo: si sposa alla perfezione con i contesti e dà sempre un senso di inquietudine in parecchi luoghi. 9
Gameplay: Si mantiene molto simile ad altri giochi survival Horror di questa tipologia in prima persona, e devo dire che se non si ha una buona dimestichezza con Mouse e Tastiera, può risultare un po' scomodo. 7
Longevità: E' corto ma intenso. 7
Qualità Trama: Molto, molto curata. Anche se è abbastanza dispersiva, con la miriade di Poscritti che si trovano per strada, riesce a mantenere un filo conduttore, che riesce a collegare tutto nelle battute finali. 10

Voto Finale: Un ottimo Survival Horror in cui bisogna aguzzare l'ingegno e la vista. Mettete da parte la pistola e iniziate a far lavorare le rotelline del cervello, perchè ci sarà da pensare parecchio. 9